Simona Bonino: «Le donne sono più brave a trasformare in operatività le strategie»

Simona Bonino – Ceo della società casearia Botalla srl

Simona Bonino, sposata con due figlie, è amministratrice delegata di Botalla srl e a capo dello sviluppo e della promozione museale di MeBo. Insieme ai due fratelli Andrea e Stefano ed ai genitori, gestisce da anni l’azienda di famiglia, fondata nel 1947, leader nella produzione e stagionatura di formaggi con un fatturato di 15milioni di euro.

L’INTERVISTA

– Simona, ricopri un ruolo di pri-mo piano in azienda: cosa significa essere una donna imprenditrice nel 2022?

«Ritengo che la parità di genere non sia una questione matematica e non possa essere discussa in termini di quote percentuali. Per questo motivo quando si riflette su quante donne siano presenti in un determinato settore o in una determinata azienda, si stia approcciando la questione in un’ottica errata. La parità di genere è un tema principalmente valoriale: se una donna è brava e si merita un posto di comando, non vedo dove sia il problema. Anni fa, dover combattere contro i maschi, mi infastidiva, oggi non più. Ma, ahimè, è un percorso che potrà considerarsi raggiunto solo quando questo substrato culturale che attribuisce ai generi ruoli sociali e professionali definiti e prioritari, sarà definitivamente superato. Oggi, le donne hanno il diritto di partecipare attivamente alla vita decisionale collettiva per motivi sociali, economici, culturali e soprattutto lavorativi».

– Per molte donne imprenditrici (ma anche per tantissime donne più in generale) è ancora molto difficile conciliare l’aspetto lavorativo con quello familiare: come bilanciare i due ruoli?

«Quando una donna si avvicina ad una professione di tipo manageriale, il dubbio sul fatto che sia in grado di conciliare lavoro e famiglia, dedicando al lavoro più dell’energia necessaria, è un aspetto che preoccupa più il mondo esterno, la nostra società, che noi donne. Per quanto mi riguarda, io preferisco dedicare alla famiglia la qualità del tempo, non la quantità. E godermi ogni volta che rientro a casa ore piacevoli con le mie figlie. Uno dei segreti del successo è avere un buon compagno di vita, un buon marito, perché ci vuole sempre un buon bilanciamento».

– Quali sono le caratteristiche migliori di una donna imprenditrice?

«Prima di tutto concretezza: tendenzialmente le donne sono più brave a trasformare in operatività le strategie garantendo precisione e organizzazione».

– Il vero successo “si raggiunge quando si ha una piena serenità interiore”. Come combini la ricerca di questa serenità con l’ambizione e i tanti traguardi lavorativi che ti poni?

«Nella nostra vita va coltivata la serenità, serenità rispetto alle proprie emozioni e ai propri impulsi, alle ansie, alle paure, ai desideri, alle frustrazioni. E nell’ambiente lavorativo è importante trasferirla a chi ti sta vicino. Perché ti restituisce la dimensione nel fare; in questo modo si trasforma in scelte, decisioni, progetti e azioni. Il che non vuol dire non reagire, ma significa agire attraverso chiarezza interiore e una piena consapevolezza di sé».

– Infine, quali consigli daresti alle donne che vogliono realizzarsi in ambito lavorativo?

«In tre parole, direi: determinazione, obiettivi e famiglia. Penso che la determinazione ed il sostegno della famiglia siano fondamentali per raggiugere i propri obbiettivi. Il mio consiglio? Non perdere mai di vista ciò che ti rende felice cercando di iniziare ogni giornata con il sorriso».
Michele Porta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *